Autobiografie e vite de'maggiori scrittori italiani fino al secolo decimottavo, narrate da contemporanei ; raccolte e annotate

Cover
Angelo Solerti
Albrighi, Segati & c., 1903 - 580 Seiten
 

Was andere dazu sagen - Rezension schreiben

Es wurden keine Rezensionen gefunden.

Ausgewählte Seiten

Andere Ausgaben - Alle anzeigen

Häufige Begriffe und Wortgruppen

Beliebte Passagen

Seite 117 - Francesco Petrarca fu il primo il quale ebbe tanta grazia d'ingegno, che riconobbe e rivocò in luce l'antica leggiadria dello stile perduto e spento, e posto che in lui perfetto non fusse, pur da sé...
Seite 43 - 1 naso aquilino, e gli occhi anzi grossi che piccioli, le mascelle grandi, e dal labbro di sotto era quel di sopra avanzato; e il colore era bruno, ei capelli e la barba spessi, neri e crespi, e sempre nella faccia malinconico e pensoso.
Seite 45 - Sommamente si dilettò in suoni e in canti nella sua giovinezza, ea ciascuno che a que' tempi era ottimo cantatore o sonatore fu amico e ebbe sua usanza; e assai cose da questo diletto tirato compose, le quali di piacevole e maestrevole nota a questi cotali facea rivestire.
Seite 24 - La qual cosa veggendo li suoi parenti, acciocché del tutto non solamente de' dolori il traessino, ma il recassero in allegrezza, ragionarono insieme di volergli dar moglie; acciocchè, come la perduta donna gli era stata di tristizia cagione, così di letizia gli fusse la nuovamente acquistata. E trovata una giovane, quale alla sua condizione era dicevole, con quelle ragioni che più loro parvero induttive, la loro intenzione gli scoprirono. E...
Seite 93 - La quale opera, benché da me altra volta fosse stata diligentissimamente letta, pur al presente esaminata di nuovo, mi parve che il nostro Boccaccio, dolcissimo e soavissimo uomo, così scrivesse la vita ei costumi di...
Seite 57 - ... li tredici Canti, li quali alla Divina Commedia mancavano, e da loro non saputi trovare. Raccontava uno valente uomo...
Seite 57 - Alcuni mss., non procedesse. maestro, era una notte, vicino all'ora che noi chiamiamo mattutino, venuto a casa sua il predetto...
Seite 62 - Oltre a questo compose il detto Dante due Egloghe assai belle, le quali furono intitolate e mandate da lui per risposta di certi versi mandatigli, al maestro Giovanni del Virgilio, del quale di sopra altra volta è fatta menzione.
Seite 31 - Polenta; il quale ne' liberali studi ammaestrato, sommamente i valorosi uomini onorava, e massimamente quelli che per iscienza gli altri avanzavano. Alle cui orecchie venuto, Dante fuori d'ogni speranza essere in Romagna (avendo egli lungo tempo avanti per fama conosciuto il suo valore), in tanta disperazione si dispose di riceverlo e di onorarlo. Né aspettò di ciò da lui essere richiesto, ma con liberale animo, considerata qual sia a...
Seite 51 - Firenze: della quale cacciato, come mostrato è, non da' ghibellini, ma da' guelfi, e veggendo sé non poter ritornare, in tanto mutò l'animo, che niuno più fiero ghibellino e a' guelfi avversario fu come lui. E quello di che io più mi vergogno in servigio della sua memoria è che...

Bibliografische Informationen