Abbildungen der Seite
PDF
EPUB

Seppi ch’Amor cosa mai volse indarno.

Deh! foss' il mio cuor lento e'l duro seno
A chi pianta dal ciel si buon terreno.

CANZONE.

RIDONSI donne e giovani amorosi
M'accostandosi attorno. E Perchè scrivi,
Perchè tu scrivi in lingua ignota e strana
Verseggiando d'amor, e come t'osi ?
Dinne, se la tua speme sia mai vana,
E de' pensieri lo miglior t'arrivi !
Così mi van burlando : altri rivi,
Altri lidi t'aspettan, ed altre onde,
Nelle cui verdi sponde
Spuntati ad or ad or alla tua chioma
L'immortal guiderelon d'eterne frondi.
Perchè alle spalla tue soverchia soma ?

Canzon dirotti, e tu per me rispondi: Dice mia Donna, e'l suo dir, è il mio cuore,Questa è lingua di cui si vanta Amore.

III.

DIODATI, e te'l dirò con maraviglia,

Quel ritroso io, ch'amor spreggiar solea
E de' suoi lacci spesso mi ridea,

Già caddi, ov'uom dabben talor s'impiglia. Ne trecce d'oro nè guancia vermiglia

M'abbaglian sì, ma sotto nova idea
Pellegrina bellezza che'l cuor bea,

Portamenti alti onesti, e nelle ciglia
Quel sereno fulgor d'amabil nero,

Parole adorne di lingue più d'una,

E'l cantar che di mezzo l'emispero
Traviar ben può la faticosa Luna,

E dagli occhi suoi avventa sì gran fuoco
Che l'incerar gli orecchi mi fia poco.

IV.

PER certo i bei vostri occhi, Donna mia,

Esser non può che non sian lo mio sole,
Sì mi percuoton forte, come ei suole

Per l'arene di Libia chi s'invia,
Mentre un caldo vapor (ne sentii pria)

Da quel lato si spinge ove mi duole,
Che forse amanti nelle lor parole

Chiaman sospir ; io non so che si sia.
Parte rinchiusa e turbida si cela

Scossomi il petto, e poi n'uscendo poco

Quivi d'attorno o s'agghiaccia o s'ingiela ;
Ma quanto agli occhi giunge a trovar loco

Tutte le notti a me suol far piovose,
Finchè mia alba rivien colma di rose.

V.

GIOVANE piano, e semplicetto amante,

Poichè fuggir me stesso in dubbio sono,
Madonna a voi del mio cuor l'umil dono

Farò divoto. Io certo a prove tante
L'ebbi fedele, intrepido, costante,

Di pensieri leggiadro, accorto, e buono.
Quando rugge il gran mondo, e scocca il tuono,

S'arma di sè, e d'intero diamante :
Tanto del forse e d'invidia sicuro,

Di timori, e speranze al popol use,

Quanto d'ingegno e d'alto valor vago,
E di cetra sonora, e delle muse.

Sol troverete in tal parte men duro
Ove Amor mise l'insanabil ago.

JOHANNIS MILTONI LONDINENSIS

POEMATA.

Quorum pleraque intra annum ætatis vigesimum conscripsit. Hæc quæ sequuntur de Autóre testimonia, tametsi ipse intelligebat non tam de se quam supra se esse dicta, eo quod præclaro ingenio viri, nec non amici ita fere solent laudare, ut omnia suis potius virtutibus, quam veritati, congruentia nimis cupide affingant, noluit tamen horum egregiam in se voluntatem non esse notam ; cum alii præsertim ut id faceret magnopere suaderent. Dum enim nimiæ laudis invidiam totis ab se viribus amolitur, sibique quod plus æquo est non attributum esse mavult, judicium interim hominum cordatorum atque illustrium quin summo sibi honori ducat, negare ; non potest. Joannes Baptista Mansus, Marchio Villensis, Neapolitanus, ad Joannem Miltonium

Anglum.
Ut mens, forma, decor, facies, mos, si pietas sic,

Non Anglus, verùm herclè Angelus ipse, fores.
Ad Joannem Miltonem Anglum, triplici poeseos laureâ coronandum, Græcâ nimirum

Latina, atque Hetruscâ, Epigramma Joannis Salsilli Romani.
CEDE, Meles ; cedat depressâ Mincius urna ;

Sebetus Tassum desinat usque loqui;
At Thamesis victor cunctis ferat altior undas;

Nam per te, Milto, par tribus unus erit.

Ad Joannem Miltonum.

GRÆCIA Mæonidem, jactet sibi Roma Maronem;
Anglia Miltonum jactat utrique parem.

SELVAGGI.

629

M

2L

Al Signor Gio. Miltoni, Nobile Inglese.

ODE.

ERGIMI all' Etra • Clio,
Perchè di stelle intrecciero corona!
Non più del Biondo Dio
La Fronde eterna in Pindo, e in Elicona :
Diensi a merto maggior, maggiori i fregi,
A' celeste virtù celesti pregi.

Non può del tempo edace
Rimaner preda, eterno alto valore;
Non può l'obblio rapace
Furar dalle memorie eccelso onore.
Su 'l arco di mia cetra un dardo forte
Virtù m' adatti, e ferirò la morte.

IO

Del Ocean profondo
Cinta dagli ampi gorghi Anglia resiede
Separata dal mondo,
Però che il suo valor l' umano eccede :
Questa feconda sà produrre Eroi,
Ch' hanno a ragion del sovruman tra noi.

20

Alla virtù sbandita
Danno nei petti lor fido ricetto,
Quella gli è sol gradita,
Perchè in lei san trovar gioia, e diletto;
Ridillo tu, Giovanni, e mostra in tanto
Con tua vera virtù, vero il mio Canto.

Lungi dal Patrio lido
Spinse Zeusi l'industre ardente brama;
Ch' udio d' Helena il grido
Con aurea tromba rimbombar la fama,
E per poterla effigiare al paro
Dalle più belle Idee trasse il più raro.

30

[blocks in formation]

Nell' altera Babelle
Per te il parlar confuse Giove in vano,
Che per varie favelle
Di se stessa trofeo cadde sul piano:
Ch' Ode, oltr' all' Anglia il suo più degno idioma
Spagna, Francia, Toscana, e Grecia, e Roma.

60
I più profondi arcani
Ch' occulta la natura e in cielo e in terra,
Ch' a Ingegni sovrumani

« ZurückWeiter »