Abbildungen der Seite
PDF

(N.° 5. ) RIBAsso sul prezzo di vendita delle polveri e dei nitri, e relativa tariffa.

14 febbraio 1817. IMPERIALE REGIO GOVERNO DI MILANO. NOTIFICAZIONE

In esecuzione della superiore determinazione dell'eccelsa camera aulica generale con cui viene concesso un sensibile ribasso sull'attuale prezzo di vendita delle polveri e dei mitri, a - S I O R D I N A : 1. Dal primo del prossimo marzo in avanti il prezzo di vendita sarà quello determinato nella sottoposta tariffa. 2. Per godere della minorazione accordata ai compratori della polvere da mina per uso delle miniere nazionali dovrà essere debitamente giustificato il bisogno e la destinazione per la miniera nazionale alla rispettiva imperiale regia delegazione provinciale, che rilascerà il conveniente certificato. 3. Nel rimanente sono confermate le disposizioni portate dal decreto 3 gennaio 1815. 4. L'imperiale regia direzione delle dogane e delle privative è incaricata dell'esecuzione.

Milano, il 14 febbraio 1817.

IL CONTE DI SAURAU, GOVERNATORE. Conte MELLERIO, Vicepresidente,

REDAELLI, Consigliere,

[ocr errors]

per la vendita delle polveri e dei nitri
a libbra metrica e moneta italiana.

QUALITA' DEI GENERI.

W non raffinato del titolo del 7o per Nitro . 1oo di puro . . . . . . . . . . . lir. a. Io

raffinato . . . . . . . . . . . . . . . . m 3.

sopraffina . . . . . . m 4. 6o da caccia . ; mezzanella. . . . . . » 4.3o

coll'imballaggio. . . » 2.3o da guerra da

a imballaggio. . e moschetto, i senza imballaggio. . m a. ao

per gli armatori . . m 3. ao

Polvere coll'imballaggio . . m a. 1o da guerra da

senza imballaggio. . n 2. – Cannone . . ggio zo r

per gli armatori . . m 3. –

per gli usi delle da mina . . miniere nazionali. n 2.3o

per gli altri usi . . m 3. –

La polvere da caccia sarà venduta anche al minuto dai postari de generi di privativa nel forense ai prezzi seguenti:

Sopraffina. . . . lir. – 53 - - Mezzanella. . . . m – 5o per ogni oncia metrica

( N.° 6. ) DrsPosrzrov1 tendenti ad ovviare a vari disordini ed abusi nella vendita e fabbricazione delle decorazioni degli ordini nazionali e stranieri. i

15 febbraio 1817.

- - - - -

IMPERIALE REGIO GoveRNO DI MILANo. NOTIFICAZIONE.

Onde ovviare a vari disordini ed abusi che sotto più rapporti sonosi verificati nella vendita delle decorazioni di ordini sì nazionali che esteri per parte degli orefici od altri esercenti traffico, questo imperiale regio governo, in esecuzione degli ordini avuti in proposito dalla commissione aulica centrale d'organizzazione, rende noto quanto segue

1. È rigorosamente vietato a chicchessia di esporre a pubblica vendita le insegne e le decorazioni, qualunque fossero, di ordini nazionali o stranieri.

2. Chi contravvenisse a questo divieto è punito, la prima volta colla confisca de distintivi dell' ordine ; la seconda, oltre alla confisca, con una multa corrispondente al valore degli oggetti confiscati, la terza con una multa corrispondente al doppio del valore degli oggetti come sopra, oltre la confisca.

3. Agli orefici e ai trafficanti è espressamente vietata, sotto le pene indicate nell'articolo antecedente, la fabbricazione delle decorazioni di tutti indistintamente gl'imperiali regi ordini austriaci.

4. In caso che presso alcuno degli orefici e dei trafficanti si trovassero croci o decorazioni di ordini imperiali austriaci, potranno queste essere acquistate dalle cancellerie degli ordini rispettivi, quando per l'intrinseco e per le forme si trovino corrispondere alle regole stabilite negli statuti. Le croci e decorazioni che mancassero dei requisiti necessari, rimarranno presso i loro i proprietari per disporne nel modo che più convenga a loro interessi, purchè però s'uniformino a stretto rigore alle prescrizioni contenute nell'articolo primo.

5. I cavalieri d'un ordine imperiale austriaco, i quali abbiano smarrita la loro decorazione, in qualunque modo sia avvenuto lo smarrimento, potranno sempre dirigersi alla rispettiva cancelleria, la quale non farà difficoltà a rilasciarne una nuova, dietro la legittimazione del titolo e il pagamento delle spese relative. - -

6. In caso di morte di un individuo decorato di un ordine imperiale austriaco, sarà obbligo dell'autorità competente non meno che degli eredi del defunto di retrocedere alla cancelleria dell' ordine la decorazione identica che venne consegnata al defunto, e non un'altra di minor valore a danno della

tesoreria dell' ordine. 7. Sono mantenute nella più rigorosa osservanza le prescrizioni contenute nella notificazione della cessata reggenza di governo 1o dicembre 1815 relativamente alla fabbricazione ed allo smercio dell'ordine austriaco della croce civile di onore. 8. Le autorità politiche sono specialmente incaricate, sotto la loro risponsabilità, d'invigilare attentamente all'esatto adempimento delle premesse disposizioni. , Milano, il 15 febbraio 1817. a

IL CONTE DI SAURAU, GovERNATORE.

Conte MELLERIO, Vicepresidente,

Marchese D'ADDA, consigliere.

« ZurückWeiter »