Abbildungen der Seite
PDF

dal 1.o settembre in poi, a versare con ce dole di banco nelle casse dello stato le somme da essi introitate, quand'anche essi avessero riscossi in moneta di convenzione i pagamenti di minore importo.

Dato nella nostra capitale e residenza di Vienna il 1.o giugno dell'anno 1816, e 24.° del nostro regno.

FRANCESCo.
(L. S.)

LUIGI CoNTE D'UGARTE, Supremo Cancelliere reale di Boemia e primo Cancelliere arciducale d'Austria.

[merged small][merged small][ocr errors]

(b) PATENTE sovrana concernente un nuovo imprestito fruttifero.

29 ottobre 1816.

NO I FRANCESCO Io
Per la grazia di Dio
IMPERATORE D'AUSTRIA,
RE DI GERUSALEMME, UNGHERIA, BoEMIA,
LoMBARDIA E VENEZIA, DALMAZIA,

CROAZIA, SCHIAvoNIA, GALIZIA E LodoMIRIA; ARCIDUCA D'AUSTRIA,

Duca di Lorena, Salisburgo, Stiria, Carintia, Carniola, alta e bassa Slesia; Gran Principe di Transilvania, Margravio di Moravia, Conte principesco di Habsburg e del Tirolo, ecc. ecc.

Per dare un estensione maggiore alle misure tendenti a ritirare la carta monetata , ed in contemplazione speciale alla situazione dei creditori dello stato, la di cui condizione noi desideriamo di migliorare in quanto ciò permettere possano le forze dello stato, noi abbiamo determinato quanto segue:

1.° Verrà aperto un imprestito spontaneo, le di cui azioni dovranno consistere parte in obbligazioni fruttifere dello stato, e parte in carta monetata attualmente corrente.

2.° Le azioni per questo imprestito saranno regolate secondo l'importo diverso degl'interessi delle obbligazioni a tale oggetto applicate nel modo seguente : a. Un'obbligazione di fiorini 1oo, dando originario interesse del sei per cento, ed un importo effettivo di fiorini ottanta, valuta di Vienna; b. Un'obbligazione di fiorini 1oo, dando originario interesse del cinque per cento, ed un importo effettivo di fiorini 1oo, valuta di Vienna ; c. Un obbligazione di fiorini 1oo, dando originario interesse del quattro e mezzo per cento, ed un importo effettivo di fiorini I 1o, valuta di Vienna; d. Un obbligazione di fiorini 1oo, dando originario interesse del quattro per cento, ed un importo effettivo di fiorini 12o, valuta di Vienna ; - e. Un obbligazione di fiorini 1oo, dando originario interesse del tre e mezzo per cento, ed un importo effettivo di fiorini 13o, valuta di Vienna ; f. Un' obbligazione di fiorini 1oo, dando originario interesse del tre per cento, ed un importo effettivo di fiorini 14o, valuta di Vienna. .

3.° Per ciascuna delle azioni, secondo questo ragguaglio, verrà rilasciata una nuova obbligazione dello stato dell'importo di fiorini 1oo in moneta di convenzione , dando

annuo interesse del cinque per cento in mo-.

neta di convenzione. - 4.° Tutte le diverse specie di carte pubbliche fruttifere possono essere applicate senza

distinzione veruna all'azione dell'imprestito

nuovamente aperto, eccettuate però soltanto, a. Le carte pubbliche, dando interesse in moneta sonante ; b. Le obbligazioni private degli stati provinciali e delle città; c. Tutte quelle obbligazioni dello stato, sulle quali in forza di speciali decreti la decorrenza degl'interessi resta attualmente sospesa o temporariamente interrotta. 5.” Le obbligazioni da emettersi per queste azioni verranno estese per l'importo di fiorini 1 o,ooo, 5,ooo , 1,ooo, 5oo , ioo in testa del debitore, esprimeranno l'obbligo di pagare gl' interessi in moneta di convenzione, e vi saranno annesse le rispettive bollette per la riscossione degl'interessi. 6.° Per guarentire in perpetuo gl'interessi di questo imprestito, l'amministrazione di finanza distaccherà una porzione delle rendite dello stato che si esigono in moneta di convenzione, la quale corrisponda all' importo degl'interessi annualmente risultanti, e questa porzione di rendite intangibile per ogni altra spesa dello stato, ed amministrata separatamente, dovrà essere esclusivamente applicata a quest' oggetto sino all'intera concorrenza dei mentovati interessi. 7.° Oltre a questo fondo, per la sicurtà degl'interessi verrà formato anche un fondo d'ammortizzazione, al quale viene ora immediatamente assicurato un introito dell'uno per cento del debito pubblico nascente da questo imprestito, ed i cui introiti annualmente acquisteranno un aumento proveniente dagl'interessi delle riscattate obbligazioni. 8.° La carta monetata introitata in via di azioni per questo imprestito non potrà essere più messa in circolazione, ma debb essere tosto tagliata, riposta e di tempo in tempo abbruciata, rendendone conto al pubblico. Lo stesso destino avranno anche le obbligazioni fruttifere versate per questo imprestito, le quali sono da cancellarsi dai libri del debito pubblico come estinte. 9.° Le determinazioni più precise per la procedura di questo imprestito, e per quanto dovrà praticarsi in tale operazione, verranno dedotte a pubblica e generale cognizione mediante separate notificazioni.

[graphic]
« ZurückWeiter »