Abbildungen der Seite
PDF

nelle imperiali regie armate, o che hanno, lasciato il servizio senza ritenere il carattere militare. -

Anche i figli di questi ufficiali, siano essi nati nell'interno o nell'estero, seguiranno in quanto alla nazionalità la qualità del padri loro, qualora però non siano questi figli da considerarsi come di puro diritto, nel qual caso saranno da trattarsi in conformità dei principi generali stabiliti dalle leggi civili.

Le mogli degli ufficiali nati esteri in attualità di servizio o congedati solo allora saranno da considerarsi come straniere, quando siano nate in paese estero, e avanti il loro matrimonio non abbiano già acquistata legalmente la cittadinanza austriaca. Le mogli nate suddite austriache saranno da trattarsi come tali in conformità delle prescrizioni vigenti. . - a , “ - - - - - - -

Si partecipano quindi anche le predette ulteriori dichiarazioni per lo relativa intelligenza e norma all' evenienza de casi.

Milano, il 17 novembre 1818.

STRASSOLDO.

( N.° 19o. ) AccorpATo l'exequatur regium, alla nomina del signor De Moupertuis in console generale francese residente in Milano17 novembre 1818. - - - - - - N.° 28348-1372. CIRCoLARE. L'imp. regio governo alle imperiali regie delegazioni provinciali. Si è graziosamente degnata la M. S. con sovrana sua risoluzione del 13 scorso ottobre di accordare l'exequatur regium alla nomina del signor De Moupertuis in console generale francese nel regno lombardo-veneto colla residenza in Milano. - -Codesta imperiale regia delegazione provinciale è incaricata di rendere di conformità inteso il ceto mercantile per propria norma

ed intelligenza. - - - - - - - Milano, il 17 novembre 1818, i - - - - - - - - -

STRASSOLDO. . . .

( N.° 191. ) PATENTE ed ingenzione accordata a , a Giovanni Uffenheimer pel metodo da lui inventato di tingere la carta cerulea. a.

[merged small][ocr errors]

L'imperiale regio governo alle imperiali regie delegazioni provinciali, Piacque a S. M. di graziosamente accordare a Giovanni Uffenheimer una patente di invenzione portante privativa in data 24 aprile corrente anno, per far uso in tutto il regno lombardo-veneto, per lo spazio di sei anni intieri, e consecutivi, decorribili dalla data medesima, di un metodo da lui inventato, di tingere la carta cerulea. , , , , , Nel rendere di ciò consapevole codesta imperiale regia delegazione provinciale viene la suddetta incaricata di far registrare nei propri uffici l'analogo avviso, che si vedrà inserito nella gazzetta di Milano, e ciò a termini del disposto dall'art. 5 del regolamento annesso al decreto 24 giugno 18o6, sotto l'osservanza delle di cui prescrizioni e norme venne rilasciata la patente di cui si tratta. Milano, il 17 novembre 1818.

STRAssoLDo

( N.° 192. ) NoRare per l'esecuzione della notificazione 17 dicembre 1817 riguardante l'uso della carta bollata per gli atti giudiziari.

ao novembre 1818 , N.° 11244-8962. CIRCOLARE. s...

L'imp. regio tribunale d'appello generale - a tutte le imperiali regie prime istanze delle provincie lombarde e , , r , , , , - Nuovi dubbi si sono presentati su l'intelligenza ed applicazione del disposto nell'arr ticolo 37 del decreto 21 maggio 1811 circa l'uso della carta bollata richiamato in vigore a termini della governativa notificazione del 17 dicembre 1817. Premuroso il tribunale d'appello di guidare le prime istanze subordinate all'esatta osservanza della legge, presi gli opportuni concerti coll' imperiale regio governo, deduce a loro notizia le dilucidazioni e norme seguenti da attendersi nei casi rispettivi : i 1.” Gli esemplari da intimarsi alle parti di tutte le sentenze o decreti, quantunque le loro minute si stendano sopra carta senza bollo, dovranno essere scritti in carta bollata da centesimi 75.

2. Non così quei decreti che sono intimati o resi noti alle parti in via di attergato sopra un libello di qualunque natura, e che si ritengono esclusi dall'obbligo di separato o particolare bollo, siccome già legittimati nella formalità del bollo in quello inerente al foglio sul quale si trascrivono, e debbonsi per effetto di disciplina giudiziaria necessariamente riportare i decreti medesimi. e 3° Le consulte e le requisitorie sopra affari e ad istanza di parti che si dirigono o spediscono ai tribunali dello stato, non che all' estero, sono pur esse da scriversi in carta con bollo; bastando però che si faccia uso di quella da centesimi 5o. Milano, il 2o novembre 1818.

i i PATRONI, PRESIDENTE. ti SARDAGNA, VICEPREstDENTE. - - - - CARLI, constgnere o i : i a - - - - - - - - - a 1 - 2 3 - 1 a , i r - :

« ZurückWeiter »