Abbildungen der Seite
PDF

delegazioni provinciali a riferire al governo nel più breve termine possibile, se e quali difficoltà vi potessero essere tanto per la compilazione degli elenchi come sopra ordinati pel corrente anno e per gli anni avvenire, quanto per la rettificazione di quelli per gli anni p. p. 1816 e 1817, come pure ad indicare le disposizioni che occorrerebbe di dare per togliere tali difficoltà, atteso le variazioni portate dall'anzidetto modello in confronto di quello che era stato preseritto colla sovraccitata determinazione 19 dicembre 1815. Milano, il 12 luglio 1818. - - - - - -

STRASSOLDO.

[merged small][ocr errors][graphic][graphic]
[merged small][merged small][merged small][merged small][merged small][merged small][ocr errors][ocr errors][ocr errors][ocr errors][ocr errors][ocr errors][graphic][graphic][graphic][graphic][graphic][graphic][graphic][graphic][graphic][graphic][graphic][graphic]

(N.° 122. ) PRorBrro ai municipi d'accordare permessi d'assenza ai militari invalidi, ed incaricati di rimettere le dimande di simile natura ai rispettivi comandi di piazza.

17 luglio 1818.

No 1727ea55a. - circolare,

L'imp. regio governo alle imperiali regie delegazioni provinciali. : L'imperiale regio comando generale militare con nota 24 giugno p. p.°, n.° 522o, informando sull'arbitraria permissione d'assenza dallo stato da qualche municipio accordata a militari invalidi in ritiro, ha fatto conoscere al governo i disordini che ne pervengono, e lo ha interessato, 1.o perchè venga rigorosamente prescritto ai municipi ed alle altre autorità civili di non accordare a qualunque invalido militare il passaggio da un luogo all'altro, e molto meno di uscire dagli stati di S. M., ma di dirigere simili domande ai comandi di piazza della rispettiva provincia ; 2.o perchè sia disposto che le casse di finanza, in quei paesi ove trovasi anche un comando di piazza, non realizzino alcun mandato di pagamento spettante ad invalidi ufficiali o soldati senza preventiva vidimazione di detto comando.

Mentre per l'effetto della seconda domanda si è già dato ordine a tutte le casse di finanza che pagano pensioni e soldi di ritiro a militari di non pagare alcun mandato se prima l'assegnatario non abbia presentata la fede di sopravvivenza, vidimata precisamente dal comando di piazza del rispettivo circondario ; tolta la facilitazione fin qui ammessa di valutare la vidimazione dell'autorità locale civile per quei luoghi nei quali non risiede comandante la piazza, il governo invita codesta imperiale regia delegazione provinciale a diramare gli ordini i più precisi

a tutti i municipi della provincia, perchè mai

sempre si astengano dall'accordare permessi di assenza di qualunque sorta a militari invalidi, e molto meno di uscire dagli stati di S. M. nè per molto, nè per poco tempo, ma di trasmettere tutte le domande di simile natura al comando di piazza dei circondari ai quali appartengono i suddetti militari. Milano, il 17 luglio 1818.

[merged small][ocr errors][ocr errors]
« ZurückWeiter »