Abbildungen der Seite
PDF

(N.° 34.) DICHIARAZIONI sull'uscita del convogli d'armi scortati da ricapiti delle antiche provincie austriache per gli stati di Parma,

Modena e Pontifici.
28 giugno 1831.

[ocr errors]

L'imperiale regio Magistrato camerale alle imperiali regie Intendenze di finanza.

È stato proposto il dubbio, se a malgrado del divieto tuttora sussistente per l'esportazione delle armi da guerra per gli stati Papali, di Modena e di Parma possa accordarsi il transito a quei convogli d'armi che essendo scortati da ricapiti di alcuno dei posti daziari delle antiche provincie della monarchia austriaca venissero destinati per alcuno degli stati suddetti.

A soluzione di questo dubbio S. A. I. R. il serenissimo arciduca vicerè si è degnata di rilasciare le seguenti dichiarazioni:

La proibizione dell' uscita e del transito delle armi, ecc. per gli stati Papali, il ducato di Modena e quello di Parma è stata pubblicata anche nelle provincie tedesche ed ungheresi, e là dove si presentasse un caso di eccezione, verrà questa sempre intimata mediante un apposito dispaccio da parte dell'imperiale regia camera aulica generale.

Per accordare quindi l'uscita ad una spedizione d'armi per quei paesi pe quali sussiste il divieto non basta che la spedizione stessa vada coperta d' una bolletta di uscita da un ufficio di un'altra parte della monarchia, ma si dovrà in tali casi invocare preventivamente le superiori determinazioni quante volte la spedizione medesima non fosse già accompagnata da uno speciale permesso di eccezione. Non cadono del resto, come già s'intende da per sè , sotto le disposizioni del divieto vigente le spedizioni del materiale da guerra che fossero dirette alle imperiali regie truppe stanziate in quei paesi pe quali sussiste il divieto delle armi da guerra in genere, nè tampoco le armi e gli altri attrezzi da guerra che le truppe stesse trasportassero seco nella loro marcia nei paesi suddetti. E dove poi una spedizione d'armi destinata all'estero venisse assegnata ad un ufficio doganale nell'interno, non potrà nemmeno in questo caso essere impedita nel suo passaggio nell'interno della monarchia sino all' ufficio al quale venne assegnata, salvo che non insorgesse un fondato sospetto che si tentasse la rivoluzione del divieto. Le imperiali regie intendenze restano incaricate di comunicare agli uffici daziari le suaccennate istruzioni per la loro esatta esecuzione. Milano, il 28 giugno 1831.

WEINGARTEN,

(N.° 35.) ELENco delle patenti di privilegio diramate dal 1.o gennajo a tutto il 3o giugno 1831, accordate a diversi inventori ed artisti sotto le condizioni vigenti all'epoca della concessione e della sovrana patente 8 dicembre 182o, non che

delle relative estinzioni, rinunzie, ecc. N.° 1. N.° 39326-2 198.

A Balde Giovanni Pietro e Ressel Giuseppe: proroga di due anni loro concessa il 26 novembre 183o per l'esercizio del privilegio esclusivo da essi ottenuto il 17 maggio 1827, come dal dispaccio aulico 7 dicembre 183o n. 28297-2562, per l'invenzione e di un torchio da » vino e da olio. »

[ocr errors]

A Schaverdberger Giovanni di Platt nella Bassa Austria per tre anni, come dall'aulico dispaccio 13 dicembre 183o n.° 28717-2596, per l'invenzione a d'illuminare » in sei modi diversi l'interno dei forni da pane senza m servirsi delle così dette nicchie da lume, impiegandovi m una lampada movibile collocata al di fuori del forno m in guisa che anche le parti esterne del medesimo » restano rischiarate. A tal uopo ha luogo qualche m cambiamento nella solita costruzione dei forni e » viene alzato il limitare dei medesimi. »

N.° 3. - N. 39331-22 oo.

A Müller Carlo Lodovico dimorante in Vienna per anni cinque, come dall'aulico dispaccio 13 dicembre 183o

n. 28717-2596, pel miglioramento a 1.” dell'unto inm glese per le carrozze, pei mulini e per le macchine, » che resiste anche nella stagione più calda dell'anno » e previene l'attrito delle ruote. Gl'ingredienti non n consistono in materie grasse, ma riuniti formano un m unto che costa meno delle materie grasse medesime; » 2.” di un liquore di frizione che per la sua consistenza » è preferibile all'olio d'ulivo. Esso può servire nei o congegni meccanici, ed allungandolo, anche nei fila» toi più fini di cotone; 3.o di un fluido atto a render » lucente il cuoio delle carrozze ed i finimenti, ed » a dare un aspetto nuovo anche al cuoio vecchio, m comunicandogli inoltre maggiore durata; 4.o di ag» giungere al predetto fluido un altro ingrediente per » formare un lucido da darsi a pavimenti, che costa un » terzo meno del solito e si applica senza fatica.

[ocr errors]

A Herberger Francesco padre e figlio tintori di carta in Vienna per anni cinque, come dal dispaccio aulico 13 dicembre 183o n.° 28717-2596, pel miglioramento a di fabbricare per uso perpetuo I.” la carta olandese » per le scuole con linee colorate, e tavole di qualunm que colore per iscrivere i diversi caratteri, sulle quali si possono indicare per mezzo di una pietra di lava» gna le aste più risentite coi loro filetti, che si canm cellano o si correggono a piacere con pannolino » umide o secco; 2. carta da disegno di qualunque m, colore, sulla quale si possono emendare gli errori m senza ledere i contorni vicini. Questa carta è utile m pei principianti del disegno per fare abbozzi, piante » di fabbriche, ecc., ed anche per minute di lettere; n. 3, tavole colorite di qualunque materia per far conti m colle rispettive rubriche stampate per le entrate e » le spese ad uso dei negozianti, osti e venditori di » ogni specie; 4. assi da tavole da caffè e da giuoco m di qualunque materia e colore, sulle quali si può » scrivere, far conti, disegnare, ecc., e cancellare il m tutto come si usa colla menzionata carta. m

[ocr errors]

A Lorch Pietro cappellaio a Brünn per due anni, come dall'aulico dispaccio 13 dicembre 183o n.° 28717-2596, pel miglioramento e nella fabbricazione dei cappelli di m seta, per cui 1. le ale dei medesimi riescono più dum revoli e sono a miglior prezzo; 2. la felpa di seta » viene incollata sullo scheletro mediante una materia m impermeabile non contenente resine o prodotti esteri, m che costa un terzo di meno ed assicura non ostante m il cappello contro la pioggia. n

[ocr errors]

Longo Marino: annullamento, a motivo del non eseguito pagamento delle prescritte tasse, del privilegio esclusivo di cinque anni da esso ottenuto il 2o novembre 1828, come dall'aulico dispaccio 16 dicembre 183o m. 29o45-2628, per la scoperta a di un metodo di » indorare ed inargentare le perle false.

« ZurückWeiter »