Abbildungen der Seite
PDF

(N. 3o.) DrcHIARAzroNE sul dubbio proposto, se nei casi di gravi trasgressioni contro la sicurezza dell' onore sia necessaria per far luogo alla prescrizione la prestata indennità.

[merged small][ocr errors][merged small][merged small]

Sul dubbio proposto, se nei casi di gravi trasgressioni contro la sicurezza dell'onore sia necessaria per far luogo alla prescrizione la prestata indennità, l'imperiale regia cancelleria aulica unita si è compiaciuta di emanare la quì annessa dichiarazione, che si comunica a cotesta delegazione provinciale per l'opportuna diramazione alle istanze politiche . della provincia a loro intelligenza e norma.

Milano, l' 1 1 giugno 1831.

IL VICEPRESIDENTE
D'ADDA.

Circ. ed Aiti 185 r, Vol. 1, P. II. lo

Copia al n.” Ioa IC-917 d'un decreto rilasciato dall'imperiale regia Cancelleria aulica riunita all'imperiale regio Governo di Venezia in data 14 maggio 1831.

Fra le condizioni espresse nell'art. 274 del codice del delitti e delle gravi trasgressioni politiche, parte II per dar luogo alla prescrizione trovasi sotto la lettera b pure quella di prestata indennità. Ciò serve per altro soltanto di regola per quanto la natura delle trasgressioni lo comporta, ed ammette eccezioni ove tale non fosse il caso. In questo numero devonsi onninamente anche comprendere le trasgressioni contro la sicurezza dell'onore; giacchè in molti casi generalmente non sono qualificate per un'indennità, ed ove questa dovesse aver luogo, non si affaccia come nelle trasgressioni contro la sicurezza della proprietà da sè al trasgressore il modo come prestarla, sia mediante ritrattarsene, sia colla deprecazione, oppure anche coll'effettivo risarcimento del danno arrecato, potendosi ciò determinare soltanto dietro il precorso gravame ed il risultato della susseguita inquisizione, e di ciò non può essere questione nel caso del citato art. 274 presupposto, che il trasgressore non sia stato nemmeno peranche assoggettato ad una inquisizione. Non è adunque per dar luogo alla prescrizione ne casi di gravi trasgressioni politiche contro la sicurezza dell'onore necessaria la prestata indennità, ma basta a tal effetto l'adempimento delle altre due condizioni segnate colle lettere a e c. Quanto sopra servirà di riscontro al dubbio promosso col governiale rapporto, ecc., e di norma del procedere nei casi in questione sì al governo che alle autorità competenti ad esso subordinate.

(N.° 31.) MrsURA della mercede giornaliera determinata per gl'individui destinati temporariamente alla custodia delle carceri.

[merged small][ocr errors]

L'imperiale regio Magistrato camerale alle imp. regie Intendenze di finanza ed alla imp. regia Direzione di contabilità centrale.

L'eccelsa imperiale regia camera aulica generale di concerto col senato lombardo-veneto dell'imperiale regio supremo tribunale di giustizia ha stabilita pel tratto avvenire in una lira austriaca e centesimi quarantaquattro (lir. 1. 44) la giornaliera mercede da corrispondersi agli individui che vengono temporariamente destinati alla custodia delle carceri. Tale superiore determinazione comunicata con ossequiato aulico dispaccio 15 maggio o prossimo passato, n.° 16793-1951 viene fatta conoscere a cotesta imperiale regia intendenzà per opportuna sua norma. Milano, il 17 giugno 1831.

WEINGARTEN.

(N.° 32.) TENORE della risoluzione sovrana sul modo di rinchiudere in casa correzionale apposita gli ecclesiastici traviati.

2o giugno 1831. N. 14283-1968 = 16836-23 12. CIRCOLARE.

L'imp. regio Governo ai Vescovi diocesani. - a Essendo state presentate a S.M. I. R. A. le opinioni espresse dagli ordinari di Lombardia sopra la convenienza ed il modo di rinchiudere in casa correzionale apposita gli ecclesiastici traviati, a correggere i quali fossero riusciti inutili i mezzi canonici, la prefata M. S. si è degnata di rescrivere « che » se gli ordinariati si trovano in grado di » rendere innocui i sacerdoti traviati coi mezzi » canonici a loro disposizione, è da lasciarsi » ai medesimi sotto loro risponsabilità il trat» tamento di tali individui. Quando però un » ordinariato per insufficienza di mezzi desi» derasse di collocare un tale sacerdote nella “casa di correzione ecclesiastica stabilita nell'isola di S. Clemente, S. M. lo autorizza a mettersi in relazione con monsignor patriarca di Venezia inteso di conformità, onde si compiaccia di riceverlo in quella casa della quale si comunicano le attuali regole. » Milano, il 2o giugno 1831.

HARTIG.

[ocr errors]
[ocr errors]

( N.° 33.) OvoREvoLE quiescenza accordata al sig. consigliere intimo e cancelliere di corte barone di Geislern, e nomina al suo posto del sig. barone di Pillersdorff.

21 giugno 1831.

N.° 19266-3179. CIRCOLARE.

L'imperiale regio Governo alle imperiali

regie Delegazioni provinciali. S. M. I. R. A. con veneratissimo biglietto in data del 3 corrente si è degnata di accordare al signor consigliere intimo e cancellerie di corte barone di Geislern il ben meritato stato di quiescenza col godimento dell'intiero suo soldo, e di conferirgli in testimonianza della sovrana sua soddisfazione la croce di commendatore dell'ordine imperiale di S. Stefano, nominando al suo posto in cancelliere dell'imperiale regia cancelleria aulica riunita il consigliere intimo e vicepresidente presso l'imperiale regia camera aulica generale sig. barone di Pillersdorff. Tanto si partecipa a cotesta imperiale regia delegazione per sua notizia ed in corrispondenza all'ossequiato dispaccio dell'imperiale regia cancelleria aulica riunita del 4 andante, n.° 13444-132o. Milano, il 21 giugno 1831. • ,

II ARTIC.

« ZurückWeiter »