Abbildungen der Seite
PDF

seguita operazione d'ufficio il nome di un al

tro che sa scrivere. '.° Alle intendenze incumbe tanto nel caso di visite agli uffici daziari, quanto in occasione di ricevere i libri consunti dai posti medesimi, d'ispezionare questi libri per riconoscere ed accertare che le prescritte certificazioni siano state debitamente adempite. Verificandosi per parte delle autorità abusi irregolari od ommissioni, si dovrà immediatamente passare a quelle misure di rigore che sono di propria competenza. Lo stesso sarà praticato quando emergano simili difetti dietro i risultati delle ispezioni di controllo demandate alla contabilità, o dietro lo scoprimento per ogni altra via. S'incarica quindi cotesta intendenza di far conoscere a tutti gl'impiegati degli uffici daziari da essa dipendenti le premesse superiori determinazioni per l'osservanza, e di vigilare dal suo canto per la più accurata esecuzione. Milano, il 18 marzo 1831.

WEINGARTEN.

(N.° 13.) LE quitanze di pagamento de tutori

degli orfani maschi che debbono esigere il loro assegno da una cassa camerale sino al compimento del loro corso scolastico dovranno essere vidimate dal direttore degli studi.

[merged small][ocr errors][merged small][merged small][merged small]

con dispaccio 22 gennaio p.° p.”, n.° 1425-93 ha comunicata la seguente disposizione:

« Siccome si è dato il caso che un orfano, cui era stato accordato un assegno di grazia sino al termine de' suoi studi, lo ha incompetentemente esatto dalla cassa rispettiva anche dopo un tal termine, così dietro preventivo concerto colla commissione aulica degli studi viene incaricato cotesto governo di dare le disposizioni a scanso di consimili percezioni incompetenti, affinchè d'ora innanzi e per l'avvenire le quitanze di pagamento dei tutori di quegli orfani maschi che debbono esigere il loro assegno di grazia da una cassa camerale o di finanza sino

» a compimento del loro corso scolastico vengano ciascuna volta vidimate per parte del competente direttore degli studi, ed in tal guisa presentate alla cassa per la liquidaZ1011C. e D'ordine del prefato aulico dicastero la s'incarica di comunicare la succennata disposizione ai capi dei rispettivi istituti di pubblica istruzione in cotesta provincia per la corrispondente osservanza per parte loro, mentre per ciò che riguarda la cassa di finanza rimane provveduto mediante le istruzioni che lo stesso aulico dicastero significa di aver loro fatte impartire col mezzo dell'imperiale regio magistrato camerale.

Milano, il 2o marzo 183 I.

[ocr errors]

IL VICEPRESIDENTE
D'ADDA.

(N.° 14. ) AL ricorso contro la sentenza della istanza politica devono andare uniti tutti gli atti relativi pel conveniente esame.

[merged small][ocr errors][merged small]

L'imperiale regia cancelleria aulica unita con ossequiato decreto 16 prossimo passato febbrajo, n.° 3745-334 si è degnata dichiarare che la semplice insinuazione del ricorso fatto in tempo debito dimostrando la piena determinata volontà della parte di ricorrere all'autorità superiore contro la sentenza dell'istanza politica di cui si trova gravata, tutti gli atti debbono essere rassegnati all'autorità superiore pel conveniente esame ancorchè dalla parte che insinua il ricorso ne fossero stati presentati i relativi gravami.

Tanto si comunica a cotest imperiale regia delegazione provinciale per opportuna sua intelligenza e norma e per la corrispondente partecipazione alle prime istanze politiche della provincia.

Milano, il 23 marzo 1831.

IL VICEPRESIDENTE
D'ADDA.

(N.° 15.) DETERMINAZIONE relativa ai disertori dell'armata che verranno arrestati dal

[merged small][merged small][ocr errors][merged small]

Dall'imperiale regia camera aulica generale mediante dispaccio 5 febbraio prossimo passato, n.° 3419-346 è stata comunicata la seguente determinazione presa di concerto coll'imperiale regio consiglio aulico di guerra e colla cancelleria aulica riunita.

I disertori dell'armata che verranno arrestati dalla forz'armata di finanza ossia guardie di confine, ancorchè si trovasse in vicinanza qualche comando militare, dovranno (inesivamente al S 4 1 del regolamento generale di servizio della forz' armata di finanza) venir consegnati alla più vicina autorità politica, la quale rispetto ad essi disertori si avrà da contenere giusta il tenore del dispaccio della cancelleria aulica 15 aprile 1822.

Quanto poi alla taglia promessa alla guardia di finanza per la tradizione dei disertori

« ZurückWeiter »