Abbildungen der Seite
PDF

( N.° 36.) Descrizione dell'essenza dei privilegi esclusivi dichiarati estinti, restando d'ora in poi, a norma del S 23 della sovrana patente 8 dicembre 182o, in libertà d'ognuno l'esercizio delle invenzioni e dei miglioramenti formanti l'oggetto dei privilegi stessi.

[ocr errors]

Kirchberger Giuseppe: invenzione di una macchina atta a produrre delle forze impulsive privilegiata il 29 giugno 1828. L'inventore propone un canale lungo di legno dell'altezza di 18 piedi all'incirca, nel quale l'aria penetra al disotto per mezzo di aperture, ed esce dalla parte superiore ove pone in movimento delle ale a vento. (Dispaccio aulico 22 novembre 183o, n.° 269o2-2415.)

[ocr errors]

Winternitz Giosuè e Rosemberg Ariele: miglioramento nella fabbricazione della così detta cera di Spagna privilegiato il 7 febbrajo 1827. Si ritiene che la massa della suddetta cera di Spagna riesca migliore aggiungendovi del talco abbruciato, e che diventi più odorifera unendovi dello storace sciolto. (Dispaccio aulico 22 novembre 183o, n. 269o2-2415)

[merged small][ocr errors]

Schmid Francesco: miglioramento nella distillazione dell'acquavite privilegiato il 26 novembre 1824.

L'inventore ha introdotto alcuni cambiamenti nell'apparecchio di distillazione dell'acquavite di Doru, aggiungendo quattro tubi, non che un tubo diritto al di fuori per conoscere il grado della condensazione dei vapori; e finalmente ha posto un altro tubo in comu

nicazione colla caldaja per ripulirla più facilmente. (Dispaccio aulico 22 novembre 183o, n.° 269o2-2415.)

[ocr errors]

Lieber Pietro: invenzione di un unto per le carrozze privilegiata il 4 dicembre 1823. Le parti componenti il medesimo sono 15 parti di grafite, 12 di biacca, 8 di stagno calcinato, 3 di mercurio, 12 di grasso d'unghie purgato, 5 d'olio d'ulivo, 12 di sapone, 2o di sego e 15 di grasso di porco. Il grafite, la biacca e lo stagno calcinato unitamente al grasso d'unghie e all'olio d'ulivo debbono essere dapprima ben macinati, e poi si aggiungono a poco a poco gli altri ingredienti. (Dispaccio aulico 22 novembre 183o, n.° 269o2-2415)

[ocr errors]

Di Bucquoy conte Giorgio imperiale regio ciambellano: fabbricazione del vetro di jolite privilegiata il 9 giugno 182 o. I materiali per comporre il vetro medesimo sono polvere di scorie libbre 1oo, cocci verdi libbre 28, sabbia libbre 14, soda libbre 1o, potassa libbre 6, sal comune libbre 1 Is2, carbone dolce 3 pugni, e calce libbre 2. Il tutto viene ridotto in polvere fina, e si scioglie la massa in due fusioni di quarant'otto ore, aggiungendo la seconda volta libbre 1 1/a di salnitro. In principio s'introducono alcuni cocci di jolite in pezzi, e si fonde la scoria triturata con un poco di potassa, si fa raffreddare, e si polverizza di nuovo prima di unirla in qualità di polvere alla pasta del jolite.

(Dispaccio aulico 22 novembre 183 o, n.° 269oa-2415)

[ocr errors]

Petersch Ambrogio: miglioramento di un telajo a cilindro atto a fabbricar calze privilegiato il 6 agosto 1826. L'essenziale del miglioramento suddetto consiste in ciò, che un cilindro posto in comunicazione col telajo mediante ruote e congegni produce un movimento più regolare e più lesto, come pure che vi è applicata una specie di forchetta, e che si adopera una qualità maggiore di cannelle. Col mezzo dell'anzidetto congegno di ruote il lavoratore può sorvegliare una maggior quantità di telai. La costruzione poi circostanziata del telajo non può essere quì descritta, per cui è d'uopo riportarsi alla descrizione originale dell'inventore. (Dispaccio aulico 22 novembre 183o, n.° 269o2-2415.)

[ocr errors]

Schuster I. G.: nuovo modo di navigare contro la corrente ed invenzione di un mezzo preservativo contro la putrefazione dei pali, privilegiati il 7 maggio 1825. Il primo oggetto consiste in una via formata da pali di legno sui quali si collocano travi fornite di piuoli o catene. Il secondo si ottiene coprendo i suddetti pali con uno smalto di calce. (Dispaccio aulico 27 novembre 183o, n. 27525-2484.)

[ocr errors]

Müller Carlo Lodovico: miglioramento dell'unto di John Battony servibile per carrozze, mulini e macchine privilegiato il 4 dicembre 1823. Si prendono tre quinte parti di grasso di porco ed un quinto di sapone sciolto nell'acqua, unendovi un quinto di grafite ed un poco di salnitro. (Dispaccio aulico 27 novembre 183o, n.° 27525-2484.)

[merged small][ocr errors]

Martini Giuseppe: invenzione di un nuovo metodo onde eseguire i ricami rilevati in oro ed argento privilegiata il 3o settembre 1824. A tal uopo si tagliano dal cartone le forme od i disegni richiesti, sottoponendo altre cose nei luoghi più rilevati. Allorchè poi questi cartoni vengono assicurati sulla stoffa, si ricama al di sopra di essi. (Dispaccio aulico 27 novembre 183o, n.° 27525-2484.)

[merged small][ocr errors]

Ceruti Domenico: invenzione privilegiata l'11 novembre 1824 di una macchina da accendere il fuoco combinata con un candelliere.

Il coperchio del recipiente nel quale trovasi l'acido solforico è talmente posto in relazione col solfanello mediante delle leve, che il coperchio si alza quando il solfanello stesso entra nel recipiente. Cessando la compressione, il solfanello viene levato dal recipiente per mezzo di una molla, ed il coperchio si chiude contemporaneamente. (Dispaccio aulico 27 novembre 183o, n.° 27525-2484.)

[ocr errors]

Videmari Angelo: nuovo processo intorno alla fabbricazione della felpa di seta privilegiato il 1o dicembre v 1824. La parte essenziale consiste nel cardeggiare la stoffa di seta tessuta assai fitta, il che si effettua sopra un ordigno ritto di legno formato di cuscini. Eseguitasi l'operazione del cardeggiare in una direzione, si volta la stoffa unitamente ai cuscini, e si cardeggia in direzione opposta. Non è necessario che per siffatta operazione il lavoratore cangi la sua situazione. Questa felpa di seta può essere adoperata di preferenza per fabbricarne cappelli. - - (Dispaccio aulico 27 novembre 183o, n.° 27525-2484.)

[ocr errors]

Crotti Michele: miglioramento della caldaja atta ad innaspare la seta dai bozzoli privilegiato il 28 settembre 1827. Un tubo attraversa la caldaja, e per esso passa il fumo prima di giungere alla gola del cammino. (Dispaccio aulico 27 novembre 183o, n.° 27525-2484.)

« ZurückWeiter »